GIORDANO MOZZI SUL CALENDARIO DELLA MILLE MIGLIA

Giordano Mozzi è sul calendario della Mille Miglia 2015 che mercoledì 10 dicembre verrà offerto insieme a una copia del quotidiano “Bresciaoggi”. La foto, tratta dal sito di www.bresciaoggi.it , è stata scattata durante la presentazione avvenuta a Sant’Eufemia al Museo della Mille Miglia. Ecco il testo di Mimmo Varone pubblicato sul sito del quotidiano.

Brescia può a buona ragione essere orgogliosa delle sue industrie, dei suoi musei, dell’arte e dell’agroalimentare. Ma non deve dimenticare che il suo biglietto da visita agli occhi del mondo è la freccia rossa della 1000 Miglia. Un calendario ce lo ricorderà.
Se ogni tanto anche un quotidiano deve alzare lo sguardo oltre la quotidianità della notizia, Bresciaoggi lo fa, e martedì prossimo, 10 dicembre, regalerà a tutti i suoi lettori 12 immagini fascinose. Immagini di altrettante tappe delle automobili mitiche, che dicono delle bellezze dell’Italia e del privilegio di Brescia che per le vie non così tanto imperscrutabili della storia fin dal 1927 ha legato il suo nome alla «corsa più bella del mondo».

È IL MODO GIUSTO per presentarsi ai 146 paesi e ai milioni di stranieri che arriveranno nel Belpaese per l’Expo.
Ieri lo hanno sottolineato il presidente di Aci Brescia Attilio Camozzi, il direttore di Bresciaoggi Maurizio Cattaneo e il presidente di 1000 Miglia srl Roberto Gaburri. Nel luogo più consono: il Museo di Sant’Eufemia, che ha ospitato la presentazione del calendario pensato e voluto da Publiadige, dal Gruppo Athesis, da Bresciaoggi e Brescia.tv.
La corsa che tutti ci invidiano parla del passato ma anche del futuro, e la serata officiata dalla voce del calcio nostrano Ciro Corradini e dal vice caporedattore Marco Bencivenga, ben ha reso l’idea. Nel filmato d’epoca le auto del mito divorano gli sterrati e sfrecciano sugli antichi asfalti. Scorrono le immagini della leggenda senza tempo, nella sala del Museo. Il calendario 2015, con le sue 12 tappe nei borghi e nelle piazze più belle, dicono che la corsa è viva e guarda avanti. Le immagini stavolta sono a colori, le auto le stesse.

IL MESSAGGIO è nell’aria, ed è colto dalla platea che affolla la sala. Hanno voluto esserci, tra i tanti, il prefetto Narcisa Brassesco, i rappresentanti delle Forze dell’ordine, l’assessore regionale Viviana Beccalossi e l’ex presidente della Provincia Daniele Molgora, la consigliera Pari opportunità Annamaria Gandolfi… e pure Giuliano Canè, dieci volte trionfatore della grande corsa, ha voluto essere della partita.

Camozzi incita a marciare insieme per dare al mondo l’immagine che Brescia merita.
«Se tutti sosteniamo il Museo della 100 Miglia in vista di Expo – dice – anche le istituzioni ci accompagneranno». Ricorda che la «Corsa» è la storia stessa dell’automobile, è storia «della tecnica, della modernità e della rivoluzione industriale». Ed è storia di una passione che «ha permesso alla città di farne la passerella più onorevole e rispettata al mondo». E se un quotidiano locale deve aiutare a costruire ciò che una città e un territorio devono trovare nel futuro, «sarebbe un peccato mortale – aggiunge Cattaneo – non sfruttare la 1000 Miglia per promuoversi agli occhi di milioni di stranieri».

Bresciaoggi e Publiadige hanno fatto la loro parte «dimostrando classe nel non riempire il calendario di pubblicità sfacciata», ricorda Camozzi.  E Gaburri sottolinea da «servitore della 1000 Miglia – che a maggio – gli occhi del mondo saranno puntati su di noi».

Appunto quindi in edicola il 10 dicembre.

www.bresciaoggi.it/

 

Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Se ti iscrivi sarai sempre aggiornato sulle news che ti interessano (normative, consigli ecc) Ed entrerai nel club dei nostri visitatori più fedeli.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Pin It on Pinterest