E SE LA NUOVA ALFA ROMEO SI CHIAMASSE GIULIA?

I veli al nuovo modello dell’Alfa Romeo, che potrebbe chiamarsi proprio Giulia, stando a una foto che circolava oggi su Facebook (e che vedete accanto al titolo) saranno tolti domani pomeriggio a partire dalle ore 16 nel corso di un evento che si svolgerà ad Arese per celebrare i 105 anni trascorsi dalla fondazione dell’Alfa Romeo.

La certezza sul nome però si avrà solo in occasione della sua presentazione. Nelle foto apparse nei giorni scorsi su Facebook si è visto un prototipo camuffato ma a quanto pare con sotto la copertura la carrozzeria ormai definitiva.

Giulia ovviamente è un nome che non è stato scelto al caso, visto che si rifà all’erede della Giulietta presentata nel 1962 e poi evoluta in varie versioni e con motori 1300 e 1600. La Giulia – per ora chiamiamola così, anche se non abbiamo ancora la certezza assoluta sul nome – svolgerà comunque un ruolo nelle future strategie commerciali dell’Alfa Romeo e nel rilancio del marchio.

Anche sul piano tecnico ci sono importanti novità. Anzitutto rappresenta il ritorno dell’Alfa Romeo all’impostazione “classica” con motore anteriore e trazione posteriore, esattamente come quella delle rivali che ha nel mirino, a partire dalla BMW Serie 3 in modo particolare.

Stando ai rumors il progetto sarebbe partito da un foglio bianco, sviluppando una nuova piattaforma che verrà poi impiegata anche per altri futuri modelli Alfa Romeo. Importante è anche la strategia che porterà la Giulia a disporre di una gamma motori ad alte prestazioni, nel rispetto di quella che da sempre è la personalità sportiveggiante tipica dei modelli di questa Casa.

Il piano vendite di FCA prevede di portare le vendite dell’Alfa Romeo a livelli molto più elevati (400 mila unità nel 2018, contro le 68 mila del 2014) e in questo ambito un ruolo determinante lo giocheranno da una parte lo stile della vettura e dall’altro la gamma motori, tutti in grado di offrire prestazioni elevate.

Stando alle indiscrezioni, al top della gamma è previsto un V6 3 litri, biturbo, con potenza da 510 CV per la versione super sportiva (che potrebbe chiamarsi GTA o Quadrifoglio). Il motore deriverebbe da quello realizzato dalla Ferrari per le Maserati Quattroporte e Ghibli.

Il motore a benzina d’attacco dovrebbe essere invece  un 4 cilindri due litri turbo proposto con tre livelli di potenza: 180, 250 e 350 CV. Quanto ai turbodiesel, programmato un 3 litriprodotto dalla VM, con doppio turbocompressore, nuova testata a 4 valvole per cilindro e potenza di 340 CV. Dovrebbe fare parte della gamma anche una versione specifica del recente 4 cilindri 2.2 già visto su alcuni modelli della gamma Jeep e con potenze comprese fra 135 e 210 CV. La produzione della nuova berlina di gamma medio-alta dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno nella fabbrica di Cassino con avvio alle vendite fra marzo e aprile del 2016.

www.alfaromeo.it/

 

Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Se ti iscrivi sarai sempre aggiornato sulle news che ti interessano (normative, consigli ecc) Ed entrerai nel club dei nostri visitatori più fedeli.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Pin It on Pinterest