F1, NEL 1967 IL “MIRACOLO” JOHN LOVE

Schermata 2016-07-03 alle 17.10.38Gabriele Mutti

Il GP del Sud Africa si correva il 2 gennaio del 1967 sulla pista di Kyalami, in altura. Tra gli iscritti a quel Gran Premio c’è anche un rhodesiano, John Love, 43 anni, iscritto con una Cooper-Climax “Tasmania” portata da 2500 a 2700 cc ex works di Bruce McLaren. Love è uno specialista delle gare di Formula 1 sud africane (ha vinto più volte quel campionato)  e quando passa di lì il mondiale di F1 lui è sempre presente.

In quel periodo dell’anno in Sud Africa fa molto caldo. Nelle qualifiche gli avversari sono impegnati a mettere a punto le loro monoposto e Love, guidando con grinta, si qualifica con un incredibile quinto posto dietro alle Brabham di “Black Jack” e Hulme, la Lotus-BRM di Clark e la Cooper-Maserati di Pedro Rodriguez. Love è riuscito a lasciarsi dietro la Honda di Surtees, la Cooper-Maserati di Lindt e gente del calibro di Hill, Siffert e Stewart. La Ferrari non c’è: debutterà a Monaco con Bandini e Amon. Ma questa è un’altra storia…

La notizia fa sensazione e il giorno della gara le tribune sono piene. La gara si disputa sulla distanza di 80 giri per un totale di 328 chilometri con clima caldo e secco. Love parte molto male e transita al primo giro in decima posizione. Hulme è al comando e al terzo passaggio segna il giro più veloce, seguito da Brabham, Surtees, Rodriguez e Clark. Brabham commette poi un errore e viene passato dagli altri, imitato poi da Rindt che slitta sull’olio perso dalla BRM di Stewart. Rodriguez ha problemi al cambio e deve girare usando solo la terza e la quinta. Il caldo intanto ha già “cotto” i motori delle auto di Stewart, Clark, Spence, Bonnier, Rindt e Siffert.

f1-70love-foto2-love

John Love (foto da Formulapassion.it).

Hulme è sempre al comando davanti a Brabham, che ha rimontato, e al sorprendente John Love che ha passato Surtees. Poi il duo di testa va in crisi: Hulme deve fermarsi un paio di volte per dei problemi ai freni e il motore di Brabham non va più. Love si ritrova al comando della gara di casa!

La folla esulta, anche perché nel frattempo Gurney che seguiva Love si ritira col cambio a pezzi della sua Eagle e Rodriguez arranca potendo usare solo due marce. A venti giri dalla fine Love ha un buon margine su Rodriguez e sembra avere in pugno la gara. Poi, a sette giri dalla fine, il suo motore sembra perdere colpi. Il serbatoio della sua Cooper-Climax è lo stesso delle gare della Tasman Cup, che si corre in inverno, e che sono più corte rispetto ai GP di Formula 1 valevoli per il mondiale. Love rientra ai box per rifornirsi: basta qualche litro di carburante per ripartire, ma ormai Rodriguez è passato in testa e vincerà con 24″ sul rhodesiano, che è comunque l’eroe della giornata. Dopo la corsa si scoprirà che nel serbatoio c’era benzina sufficiente per finire la corsa e che i problemi erano provocati da un temporaneo “fall out” della pompa del carburante. Love correrà ancora negli anni a venire il GP di casa ma l’edizione del 1967 per lui sarà indimenticabile. Morirà nel 2005 a 81 anni.

Nella foto nella home page accanto al titolo Love in gara con la Cooper-Climax (per gentile concessione di Livegp.it).

www.contagiriblog.com/

(Visite totali 99 , 1 visite oggi)
Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Se ti iscrivi sarai sempre aggiornato sulle news che ti interessano (normative, consigli ecc) Ed entrerai nel club dei nostri visitatori più fedeli.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Pin It on Pinterest