RESTAURO AUTO STORICHE: OPERAZIONE PER ESPERTI

Quando si procede con l’acquisto di auto storiche è possibile che il mezzo si appena stato risistemato e riportato a nuovo, sebbene non di rado gli appassionati e collezionisti decidano di acquistare, magari a prezzo ridotto, il veicolo che preferiscono, procedendo successivamente con le procedure di restauro del causo. A volte certosine, per riportare la vettura al suo antico splendore. È chiaro sin da subito che per ottenere un risultato di rilievo, è necessario considerare ogni singolo particolare, prestando cura, attenzione e tanta pazienza.

Ciò che è certo, è che se non si degli esperti, è bene lasciar perdere dei goffi tentativi di ripristinare un’autovettura da se stessi. Bisogna avere le giuste competenze, per farlo, anni di esperienza e conoscenza a 360° dei meccanismi interni ed esterni dei veicoli. Quindi, a meno che non siate dei provetti meccanici, il primo, ed unico per quanto vi compete, da fare è quello di rivolgersi ad un’officina convenzionata, in grado di far risplendere di luce propria il vostro piccolo gioiello (o che diventerà tale). Non importa dove si trovi l’officina, l’importante è affidarsi a degli esperti del settore riconosciuti, come CoratoAlonso, officina di Vicenza in grado di riportare a nuova vita auto d’epoca che di vita sembrano averne ben poca.

Restauro di un’automobile d’epoca? I passaggi

Ma in cosa consiste un restauro di una “vecchia” automobile? Quali sono i passaggi fondamentali ed indispensabili? Ve li elenchiamo brevemente, per farvi capire quanto si tratti di un’operazione da prendere con le pinze, da affidare a veri esperti.

Si parta dal presupposto che ristrutturare un’auto d’epoca ha i suoi costi, per scegliere i giusti ricambi originali e per analizzare e risolvere ogni singolo problema, senza lasciare nulla al caso. Gli esperti meccanici, in primo luogo, procedono con l’analisi dell’automobile, schedandola e procedendo con alcune fotografie, che permettano poi di rimontarla con più facilità dopo averla divisa in pezzi. Si procede quindi con lo smontaggio a cui dovrà seguire una certosina catalogazione di tutti i pezzi, che dovranno essere disposti ordinatamente ed ordinati, per poterli recuperare con facilità (perdere un pezzo di un’auto molto vecchia potrebbe rivelarsi molto problematico, poiché molte sono le parti e le componenti difficili da reperire).

Dopo queste operazione preliminari ma indispensabili, si procede con tutta la parte della revisione meccanica, che solo gli specialisti sono in grado di fare con cognizione. Tutte le parti interne devono essere analizzate, per capirne lo stato di funzionamento e di usura, procedendo, in caso di necessità, alla sostituzione. Potrebbe essere il caso di intervenire sul propulsore o sulla trasmissione, giusto per fare un paio di esempi. In alcuni casi può essere sufficiente anche una semplice revisione. Parallelamente si procede con il restauro della carrozzeria, che deve essere esaminata nei particolari, per capire, anzitutto, lo stato dei lamierati. Si procederà con una completa rimozione della verniciatura, per mettere in luce eventuali problemi da risolvere, come quelli relativi alla corrosione.

E poi, inevitabilmente, c’è il ripristino degli interni, per rimettere a nuovo la tappezzeria, le imbottiture dei sedili. Il tutto prestando un occhio di riguardo assoluto al modello originale, al quale bisogna sempre far riferimento. Anche i particolari, infine, vogliono la loro parte: tutte quelle finiture che contraddistinguono l’auto d’epoca, come ad esempio la cromatura. Il passaggio finale, molto delicato, è il rimontaggio, in cui ogni parte deve tornare al suo posto!

(Visite totali 194 , 1 visite oggi)
Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Se ti iscrivi sarai sempre aggiornato sulle news che ti interessano (normative, consigli ecc) Ed entrerai nel club dei nostri visitatori più fedeli.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Pin It on Pinterest