CLUB AUTO STORICHE TRA INFORMATICA E BOLLETTINI CARTACEI

I Club delle auto storiche sono da tempo alle prese con un annoso (e piuttosto costoso) problema. la comunicazione con i loro soci. Perché al di là della scarsa alfabetizzazione informatica del nostro Paese (non a caso di recente il Presidente di Confindustria Elio Catania alla presentazione di un libro ha detto a una platea di giornalisti che “l’84 per cento delle aziende che sono fallite in Italia non credeva in Internet e nelle sue applicazioni, lo considerava una cosa da tecnici. Gravissimo errore, perché Internet è il futuro”) esiste un dato di fatto che è incontrovertibile. La maggioranza dei club di auto storiche ha tra i suoi soci persone di una certa età, che hanno scarsa o nessuna dimestichezza con il computer, e che preferiscono trovare nella cassetta della posta il bollettino cartaceo invece che andare a “smanettare” su Internet per leggere le news del sodalizio cui appartengono.

Questa a ben vedere è la stessa situazione in cui versa l’editoria italiana in materia di quotidiani, libri e riviste. I giovani e i manager fino a una certa fascia d’età (soprattutto quelli che sono spesso in viaggio all’estero) e che prima faticavano a leggere i quotidiani italiani al di fuori dei nostri confini hanno risolto tutto con l’editoria digitale sul loro cellulare, tablet o pc portatile che sia.

bv000001

Un raduno del Club dedicato alla Fiat 850 Spider.

“Il problema incide non poco sui bilanci di un club – dice al riguardo Marco Chiari appassionato e competente addetto stampa del club dedicato alla Fiat 850 Spider – la maggioranza dei nostri soci dice chiaramente di preferire il bollettino cartaceo, che va scritto, stampato e spedito con relativa francobollatura. I più giovani visitano il nostro sito Internet, ma per ora sono una minoranza”.

Ci sono però anche dei club che vanno in controtendenza. Come Associazione CinemAlfa di cui è Presidente Ivan Scelsa: “Abbiamo un’alfabetizzazione informatica – dice Ivan –  superiore al 95%. Questo è dovuto, ovviamente, anche alla maggior presenza di giovani appassionati che sono attratti da un nuovo target di club, più snello e più giovanile negli eventi promossi. Di fatto devo sottolineare che a calare vistosamente sono le visite sui siti dei club poiché ormai la comunicazione via web passa attraverso facebook e twitter”.

La questione riguarda da vicino anche le riviste dedicate alle auto storiche e va detto che alcune hanno deciso di sopprimere le rubriche dedicate alla “Vita di club”: sarà il tempo a dire se è stata una scelta vincente oppure no, anche se non sono mancate le critiche al riguardo. Una roccaforte cartacea rimane comunque “la Manovella”, la rivista dell’Asi che viene spedita a tutti i soci. Ma questo è un caso a parte, visto che può contare su 200mila soci, cosa che ne fa la rivista di auto storiche più diffusa nel nostro Paese, anche se la sua presenza in edicola è praticamente simbolica.

www.asifed.it/

www.fiat850spiderbertone.it/

www.associazionecinemalfa.com/

 

Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Se ti iscrivi sarai sempre aggiornato sulle news che ti interessano (normative, consigli ecc) Ed entrerai nel club dei nostri visitatori più fedeli.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Pin It on Pinterest