Cambio gomme, quando viene richiesto dal tagliando e costi

Che sia per usura o per il passaggio stagionale, è importante che un automobilista controlli periodicamente gli pneumatici e proceda al cambio gomme quando necessario. Molto spesso si è portati a rimandare perché si considera la spesa troppo onerosa, in realtà non è così e soprattutto si rischia d mettere in pericolo la propria incolumità e quella passeggeri.

 Cambio gomme durante il tagliando e costi 

Il 15 novembre di ogni anno gli automobilisti sono chiamati al cambio gomme, per il passaggio da quelle estive alle invernali. Per quanto la legge dia la possibilità di poter ovviare al cambio con il trasporto a bordo di catene da usare in caso di neve, tuttavia sarebbe buona prassi procedere alla sostituzione perché le gomme a differenza delle catene garantiscono maggiore aderenza su terreni impervi non solo in caso di neve, ma anche su ghiaccio e acqua, durante le abbondanti piogge. L’automobilista e proprietario dell’auto è chiamato poi periodicamente a procedere con il tagliando auto, come prescritto dalla casa costruttrice, al fine di mantenere anche la garanzia sulla stessa. Il tagliando auto, anche se non obbligatorio, è vivamente consigliato per la manutenzione e sicurezza del veicolo e dei suoi principali elementi costitutivi. Durante il tagliando, che avviene presso una autofficina autorizzata e prontamente attrezzata, verranno controllati anche gli pneumatici, e qualora ci si renda conto che si trovano in uno stato di usura, si procede al cambio gomme. L’usura delle gomme d’altronde è qualcosa da tenere d’occhio e non sottovalutare, pena la sicurezza dei passeggeri. Le gomme usurate non assolvono infatti alla loro funzione, come ad esempio l’evacuazione dell’acqua e come risultato si ha la distanza di frenata su strada bagnata che aumenta e con essa i rischi di slittamento e aquaplaning. Gli pneumatici raggiungono il limite legale di usura (profondità di scolpitura inferiore a 1,6 mm). Di norma, degli pneumatici di buona qualità devono essere cambiati ogni 40 000 o 50 000 km, quelli meno buoni ogni 10 000 km. Ovviamente questi parametri variano se si considera lo stile di guida o il tipo di strade solitamente percorse, se sono più o meno dissestate e inoltre la velocità di usura degli pneumatici anteriori è due volte più elevata dei posteriori. Per quanto riguarda i costi, il prezzo di un gommista può variare molto se si tengono in considerazione diversi fattori, come anche la tipologia di ruota, ma in media va dai 35-40€ ai 75-80€; per maggiori informazioni e comparazioni, richiedi il tuo preventivo online . In ogni caso bisognerebbe sempre procedere al cambio gomme quando necessario, perché non c’è prezzo che tenga di fronte alla sicurezza di chi guida e dei propri cari.

Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Se ti iscrivi sarai sempre aggiornato sulle news che ti interessano (normative, consigli ecc) Ed entrerai nel club dei nostri visitatori più fedeli.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Pin It on Pinterest