AUTOMOTORETRO’, I TRENT’ANNI DELLA FIAT CROMA

Torino – L’occasione di Automotoretrò al Lingotto di Torino, svoltosi dal 13 al 15 febbraio, è stata colta dal Fiat Croma Club Italia per festeggiare i trent’anni di questa ammiraglia, presentata nel 1985. Sostituì l’Argenta e, nata da un progetto comune tra Alfa Romeo, Fiat/Lancia e Saab si caratterizzò subito per le sue doti di praticità, originalità ed efficienza.

All’interno del progetto Tipo 4 (Alfa Romeo 164, Lancia Thema e Saab 9000) condivise pianale, sospensioni ed altre componenti di carrozzeria e meccaniche con le altre vetture, ma mantenne sempre una propria spiccata personalità.

Croma Taxi in Capri copia

Una delle due Croma Cabriolet acquistate dai tassisti di Capri oggi è di proprietà di Ernesto Biagioni, vice presidente del Club. Sullo sfondo una delle 50 Marea a sette posti poi prodotte dalla Fiat per i tassisti dell’isola.

Delle quattro auto citate fu la più longeva: undici anni di carriera, 480mila auto prodotte, punte del 50% di prodotto esportato diventando per la Fiat l’ammiraglia di maggior successo mai realizzata. La berlina italiana di famiglia per antonomasia fu offerta inizialmente in quattro versioni a benzina; 1.6, 2.0 CHT, 2.0 i.e. e 2.0 Turbo i.e., e due a gasolio (2.5 aspirato e 2.5 Turbo D).

La grande abitabilità, la presenza del portellone che la rendeva una “invisibile” station wagon e il favorevole rapporto qualità-prezzo furono gli elementi di attrazione verso un’utenza molto ampia.

Auto di famiglia per eccellenza, si rivelò ideale anche per flotte aziendali, taxi, liberi professionisti e veicolo ad hoc per vari Ministeri, specialmente nella versione blindata costruita in circa 6mila esemplari (tristemente famose, purtroppo, quelle dei due giudici Falcone e Borsellino).

Dal 1985 al 1996 la Croma si è evoluta in ben cinque serie ed ha avuto l’onore di sperimentare tecnologie innovative come il sistema CHT che ottimizzava prestazioni e consumi, la Turbo i.d. (giugno 1988) prima auto con motore diesel ad iniezione diretta, l’adozione di una turbina a geometria variabile (1992) e come prototipo un diesel common rail sviluppato dal Centro Ricerche Fiat e dalla Magneti Marelli (1992).

Fu l’auto preferita da Gianni Agnelli che se ne fece allestire alcune versioni particolari per uso personale. La Croma è stata l’ultima Fiat ad essere completamente sviluppata e realizzata a Torino. Nello stand del Club ad Automotoretrò si potevano ammirare una delle Croma di Agnelli e il prototipo di un taxi cabriolet per Capri che fu poi prodotto in due soli esemplari. “La produzione dei 50 Taxi su base Fiat Croma – spiega Ernesto Biagioni, vice presidente del club che abbiamo intervistato ad Automotoretrò nello stand del sodalizio – venne fermata dopo il secondo esemplare costruito, per la necessità della clientela isolana di disporre di un veicolo a sette posti. Tre anni dopo, nel 1996, la Fiat decise di realizzare detti taxi sulla base del nuovo modello Marea, visto che la Croma stava per uscire di produzione”.

www.fiatcromaclubitalia.it

(Visite totali 652 , 1 visite oggi)
Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Iscriviti alla Newsletter di ContagiriBlog

Se ti iscrivi sarai sempre aggiornato sulle news che ti interessano (normative, consigli ecc) Ed entrerai nel club dei nostri visitatori più fedeli.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Pin It on Pinterest